Salutare non è costoso

Abbiamo rivisitato il nostro menù, cercando di aumentare l’offerta di cibi salutari, buoni e soprattutto che facciano mostra della ricchezza enogastronomica del territorio. Abbiamo per questo contattato la referente di Slow Food, Gabriella Cinelli per aiutarci in questo compito e guidarci nella scelta dei prodotti Presidio Slow Food che narrassero la storia del nostro territorio.

Ma ci siamo accorti che in molti siete rimasti sorpresi, chiedendoci di più in merito a questa iniziativa, soprattutto domandandoci i prezzi e le origini di questi, così detti, “presìdi”.

Aggrappandosi alla tradizione, sostenendola, salvaguardando il territorio, la missione di Slow Food è proprio quella di portare in tavola prodotti che rispettino, in primis, il proprio ambiente, ma che diano altrettanto modo ai suoi fruitori di non dimenticare i veri sapori e le origini dei cibi che descrivono la storia del territorio in cui vivono.

Per molti il “mangiare bene ” a km 0 è sinonimo di un aumento dei costi dettato da un inevitabile compromesso con una scelta di prodotti selezionati, lavorati con tecniche più rispettose dell’ambiente e degli animali, in un’unica parola “sostenibili”.

Ma non è così perché mangiar bene e salutare non vuole, e non deve, dire spendere di più.

Abbiamo fatto una scelta, quella di portare in tavola non solo un menù sano, ma soprattutto un menù che racconti il piacere del convivium con la consapevolezza di sostenere e valorizzare ciò che la natura ci offre.

E tutto questo, a prezzi contenuti, creando un menù alla portata veramente di tutti, cercando in questo modo di sostenere l’economia del territorio, dei tanti artigiani del gusto che creano con il loro sapere delle eccellenze del gusto, senza per questo dover per forza incidere sul portafogli. Come? Seguendo ovviamente la stagionalità dei prodotti, cercando e ricercando le antiche ricette del territorio, sostenibili anche attraverso la rivisitazione di piatti che i nostri avi portavano sulle loro tavole, utilizzando i prodotti locali più sani e salutari per il nostro corpo.

Sottosopra

Primo su tutto l’olio d’oliva, Oleum per i romani, elisir di lunga vita, ma anche il vino, bevanda storica del Bacino del Mediterraneo ed importante toccasana. E poi verdure, formaggi, frutta, tutto esclusivamente stagionale e autoctono. Ma il nostro intento è anche quello di riportare in vita prelibatezze locali che vengono realizzate solamente da abitanti del posto, purtroppo ad oggi rimasti in pochi, come per esempio i prelibatissimi Giglietti di Palestrina, biscotti semplici legati al Re Sole, diffusi grazie alla famiglia Barberini e prodotti dalle sorelle Fiasco nello storico forno di Castel San Pietro Romano.

Cosa ci differenzia? Concedere alle persone la fortuna di assaporare cibi sani con la sicurezza di non spendere di più.

Per noi non è importante vendere un cibo, ma diffondere negli altri l’importanza di una scelta di vita più rispettosa verso la natura, verso gli animali e viva nel ricordo della storia che ci ha preceduto fino ad oggi.

, , , , , ,